17/02/20

I cittadini suppliscono le istituzioni e le telecamere "distratte"

Da alcuni giorni questo cartello improvvisato apposto in un luogo sensibile del paese avvisa la cittadinanza della presenza di attività di spaccio. Ci auguriamo che anche le istituzioni l'abbiano visto e si adoperino con mezzi adeguati per contrastare il grave fenomeno purtroppo presente anche nel nostro Comune.


Continua a leggere

Campo scuola alpino

Pubblicizziamo questa bella iniziativa riproposta anche quest'anno dai nostri alpini di Villa d'Adda

Continua a leggere

10/02/20

Foibe mai più

10 febbraio Foibe mai più!




Continua a leggere

09/02/20

Furti a Villa d'Adda, cosa fare?

Negli ultimi mesi sono state segnalati sui social locali diversi furti e tentativi di furti nelle abitazioni e edifici pubblici dei Villadaddesi. Anche lo scorso venerdì in zona Valle un finto addetto Hidrogest, con la scusa di effettuare controlli, ha raggirato un signore introducendosi in casa e derubandolo.

Nonostante la presenza di numerose telecamere, fallito il tentativo di costituire il sistema di segnalazioni denominato “controllo di vicinato”, pare che il fenomeno non sia per niente diminuito  generando così nei cittadini senso di impotenza e sfiducia nelle istituzioni.
Molte denunce infatti rimangono lettera morta e si risolvono nella maggior parte dei casi con l’archiviazione perché le forze dell’ordine e la magistratura non riescono ad individuare i colpevoli in quanto  le telecamere quasi mai sono in grado di determinare con certezza l'identità dei criminali.

Quanti e quali sono stati i casi risolti grazie alle tante telecamere installate sul territorio? Percentualmente quante sono le denunce di furto, considerando periodi omogenei prima e dopo l'istallazione delle telecamere?
Quanto si è ridotto sul territorio lo spaccio?
Quanti sono i casi risolti grazie ad esse?
Quanti casi di potenziali atti criminosi sventati?

A queste semplici domande attendiamo risposte dalla attuale maggioranza e sollecitiamo attraverso i commenti il punto di vista dei lettori. 



Continua a leggere

07/02/20

Poveri pedoni atto secondo


Nel post precedente avevamo criticato la chiusura del sentiero. Oggi qualcuno ha pensato di riaprire un varco. Forse un ripensamento?
 La protesta dei tanti che utilizzavano il sentiero? Magari un atto vandalico?
 Noi ci auguriamo sia vera la prima ipotesi, la più ragionevole, quella del ravvedimento dopo la nostra segnalazione.


Continua a leggere

01/02/20

Dote infanzia


Filadda si è mostrata fin da subito attenta ai bisogni delle famiglie e al sostegno della genitorialità ed è ancora in questa direzione che si sta muovendo. 
Vogliamo porre alla vostra attenzione questa interessante iniziativa promossa da Regione Lombardia: Dote Infanzia.
Che cos'è Dote infanzia? E' un progetto sperimentale volto a favorire lo sviluppo dell'infanzia supportando attività ludiche e servizi di consulenza genitoriale ma anche l'acquisto di beni che assicurino al bambino un ambiente idoneo in cui crescere. Dote infanzia si concretizza in rimborsi a copertura dell'80% dei costi sostenuti per attività sportive, ricreative o acquisto camerette, in base alla fascia ISEE di appartenenza della famiglia.
Nel link troverete tutte le informazioni riguardanti i criteri di idoneità per presentare la richiesta di rimborso.

Al momento le domande di richiesta Dote infanzia non possono ancora essere presentate, seguirà nuovo avviso della regione lombardia a febbraio e apertura candidature a marzo, quindi vi aggiorneremo appena tali informazioni saranno disponibili!

Continua a leggere

30/01/20

Poveri pedoni



Passeggiando per Villa d’Adda alta ci siamo  imbattuti in una nuova piccola opera pubblica di recentissima realizzazione in corso di completamento e consistente nella rimozione di un breve tratto di marciapiede in masselli per sostituirlo con altro in  asfalto a raso strada. Opera questa idonea a  consentire così una più agevole e veloce svolta a destra ai veicoli che provenienti dalla rotonda di Volpino e percorrendo via Donizzetti intendono raggiungere salendo la via Caravaggio.
Riteniamo la scelta molto azzardata poiché metterà sicuramente i pedoni a serio rischio di essere travolti dagli autoveicoli  considerata la notevole affluenza  in zona di adulti e bambini per la presenza dei campi di calcio molto frequentati.
Sarebbe stato più opportuno eventualmente arrotondare smussando lo spigolo del marciapiede esistente, ma lasciandone presso che inalterata la larghezza.
Si è notato poi che alcuni mezzi e operai comunali erano impegnati nella potatura della siepe della adiacente proprietà privata. La cui cura dovrebbe spero non essere a carico dell’intera comunità villadaddese. Auguriamoci che chi ci amministra sia in grado di giustificare l’intervento effettuato.
Quest’ultima e le altre recenti iniziative di natura viabilistica sembrano poco azzeccate e per questo già sufficientemente criticate sui social locali e dai cittadini. Sarebbe opportuno che le scelte prima di essere intraprese venissero perlomeno valutate nelle sedi comunali competenti, discusse e non lasciate sempre all'improvvisazione del momento .
...................................................................................................................................................................

Poco più sopra  è stato chiuso con una rete il passaggio che si era naturalmente creato da circa un anno  con il viavai dai pedoni che lo hanno  ritenuto una comoda scorciatoia che mettendo in comunicazione via Aldeni con Via Caravaggio permetteva di raggiungere agevolmente la rotonda di Volpino e la pensilina dell’autobus.
Si vocifera poi che l’area limitrofa al sentiero di recente recintata lungo la via sterrata a monte verrà adibita a percorso di ciclocross. Anche in questo caso vige il vezzo del fare senza spiegare, senza valutare costi benefici, senza coinvolgere le  commissioni, informare i consiglieri, condividere con la cittadinanza la necessità dell'opera.

Continua a leggere