20/08/18

A proposito di degrado dei parchi pubblici

In questi giorni da più parti è stata segnalato lo stato di degrado e di abbandono dei parchi
pubblici villadaddesi.

Come forza politica di minoranza non possiamo fare altro che dare buoni consigli, anche
se il più delle volte vengono derisi e snobbati dalla maggioranza.

Spiace prima come cittadini e poi come amministratori pubblici, seppure di minoranza,
vedere lo stato in cui versano i parchi pubblici nonostante le risorse finanziarie del
Comune di Villa d’Adda possano certamente permettere una costante manutenzione delle
strutture.

Vorremmo anche segnalare alla maggioranza, se vorrà tenerne conto, che è stato
pubblicato dalla Regione Lombardia un bando per il finanziamento a fondo perduto di
opere e lavori di adeguamento dei parchi giochi comunali per favorire la fruibilità dei minori
con disabilità. Il bando è reperibile sul BURL del 13 agosto 2018.

Speriamo che la segnalazione venga accolta dai nostri amministratori e si diano da fare
per presentare progetti che migliorino la fruibilità dei parchi pubblici villadaddesi anche ai
minori con disabilità.

Continua a leggere

07/08/18

Campane a festa

Grazie ad alcuni volontari,tornano a suonare le campane a San. Martirio.




Continua a leggere

31/07/18

Consiglio comunale (terza e ultima parte)

Concludiamo oggi il nostro resoconto sui fatti salienti dello scorso Consiglio,  con la comunicazione del Sindaco di El@ e la puntuale risposta di Filadda.



Consiglio comunale del 24 luglio 2018, la risposta del capogruppo Scacchetti della lista Filadda al comunicato del Sindaco Biffi.

Vorrei fare un intervento in merito alla comunicazione che il Sindaco ha fatto nella seduta del Consiglio Comunale del 28 giugno 2018 che è poi diventato un allegato alla delibera di approvazione dei verbali della seduta del 30 aprile 2018.
Ritengo di dover fare delle precisazioni per due motivi, in primo luogo perché la comunicazione è rivolta direttamente al sottoscritto  ( vedi la frase: “ nel consiglio comunale del 30 aprile nella discussione sul rendiconto del bilancio 2017 hai evidenziato che nel quadro generale … “); in secondo luogo perché la comunicazione del sindaco è arrivata dopo quasi due mesi e non ne ho avuto copia fino a dopo la seduta del consiglio comunale pertanto non ho avuto modo di poter replicare prima.
Innanzitutto, visto che il presidente del consiglio comunale, ossia il Sindaco è anche  il responsabile del servizio finanziario, i termini tecnici utilizzati in un allegato a una delibera di consiglio comunale devono essere corretti, e questo non per fare il professore ma perché il documento di cui stiamo parlando non perda di credibilità. Quando al punto “terza precisazione” viene fatto riferimento alle economie di competenza definendole come “tutti i residui di tutti i capitoli delle spese correnti finiti nell’avanzo”  , informo il responsabile del servizio finanziario che i residui non hanno nulla a che vedere con le economie di competenza. In contabilità i termini usati hanno significati precisi ed utilizzarli in modo inappropriato può solo creare grandissimo caos.  Le economie sono somme  stanziate e non accertate , se parliamo di entrate, somme stanziate e non impegnate, se parliamo di uscite, e pertanto somme che vanno a formare l’avanzo; i residui sono invece somme accertate e non ancora incassate, se parliamo di entrate, e somme impegnate ma non ancora pagate, se parliamo di uscite, quindi somme che non confluiscono nell’avanzo. Siccome l’intento della comunicazione era quello di andare a ricostruire l’avanzo, immagino che il responsabile del servizio finanziario intendesse parlare di economie e non di residui. Comunque premesso questo, passiamo ai vari punti definiti di “precisazione”. Premetto che quando ho parlato dell’avanzo della gestione competenza non ho fatto riferimento al quadro generale riassuntivo (seppure anche da questo documento è riscontrabile questo dato),  ma alla relazione approvata dalla giunta comunale quindi non da un documento tecnico ma un documento diciamo “politico” adottato dalla giunta e pertanto conosciuto da tutti i componenti di questo organo esecutivo.
In merito alla prima precisazione, è vero che vi siete insediati a giugno 2017, ma il bilancio 2018/2020 lo avete approvato voi, e, alla luce dei risultati della gestione 2017 avreste potuto adottare una politica di riduzione delle tasse.
In merito alla seconda precisazione l’ultima variazione da farsi entro il 30 novembre, va sicuramente predisposta entro la metà dello stesso mese, ma rendicontazioni che arrivano dopo non possono essere giustificazioni ad un così alto avanzo di amministrazione,  che rammento essere di € 1.067.360,16, perché è questo l’avanzo di amministrazione del Comune di Villa d’Adda approvato con il rendiconto 2017, e questo dato è inconfutabile perché riportato da tutti i documenti ufficiali approvati.
Per quanto riguarda la terza precisazione onestamente sono in difficoltà perché quello che leggo è incomprensibile, non si capisce cosa si tentava di precisare perché i termini usati stridono tra loro e hanno significati opposti. Forse  si è tentato di fare  l’analisi di tutte le economie di spesa confluite nell’avanzo. Ad ogni buon conto riprendo la relazione al rendiconto 2017 approvata dalla giunta comunale e ribadisco le cifre che ho già rilevato nel consiglio del 30 aprile 2018.
Risultato della gestione competenza  2017  € 427.189,43 ( per chi non lo ricordasse pagina 12 della relazione citata).
A questo importo si arriva con le seguenti somme:
minori accertamenti rispetto allo stanziato di parte corrente € 83.862,44 (6)
maggiori accertamenti rispetto allo stanziato di parte capitale € 45.447,17 (8)
minori impegni rispetto allo stanziato di parte corrente € 449.322,97 (7)
minori impegni rispetto allo stanziato di parte capitale € 16.281,73 (8)
la somma algebrica di quanto sopra è esattamente € 427.189,43 (12)
Onde evitare che al prossimo consiglio ci sia di nuovo un comunicato di chiarimenti ribadisco che queste cifre sono ricavate dal documento ufficiale: “relazione della giunta comunale al rendiconto della gestione dell’anno 2017” approvato dalla giunta comunale alle pagine 6, 7, 8  9.
Preciso inoltre che nella seduta del 30 aprile 2018 al punto di approvazione del rendiconto di gestione 2017 non ho mai né chiesto né fatto affermazioni sulla composizione dell’avanzo ma ho solo chiesto la conferma dell’importo del risultato della gestione competenza anno 2017 e nessuno in quella seduta è stato in grado di fornirmi una risposta. Ora dopo due mesi questa lettera di precisazioni è oltre che fuori tempo anche fuori luogo perché molto approssimativa sia nella terminologia usata che nelle somme riportate, più che una precisazione sembra un improvvisazione.
Aggiungo solo due cose:

1)    Nel ribadire che il risultato della gestione competenza 2017 è di  427.189,43, anche con soli 167.000,00 euro avresti potuto abbattere le tasse perché; forse ti è sfuggito che l’accertato per la TASI sulle seconde case da consuntivo 2017 è pari ad € 123.212,19, avresti potuto per una volta imitare in positivo il Comune di Carvico e togliere completamente la TASI sulle abitazioni a disposizione anche con soli 167.000,00 di economie. Oppure, visto che applicando l’aliquota dello 0,50% accertate di addizionale comunale  la somma di  € 318.351,33,  avreste potuto dimezzare l’aliquota.


2)  Per quanto riguarda i fondi e accantonamenti, che sono un obbligo di legge,   sono per la parte più consistente relativa al fondo crediti di dubbia esigibilità  pari ad € 243.278,00, pagina 2 sempre della relazione al rendiconto 2017 approvata dalla giunta comunale, è sintomo di presenza di molti crediti accertati ma non incassati, pertanto anche su questo ci sarebbe molto da dire perché se ci sono delle somme che il comune deve incassare e non incassa è un ulteriore segnale di cattiva gestione, parliamo di somme che potrebbero essere utilizzate per garantire maggiori servizi ai cittadini che sono bloccate perché non vengono riscosse/recuperate, pertanto anche qui avete un problema da risolvere.
Continua a leggere

26/07/18

Vi raccontiamo il Consiglio (seconda parte)

Consiglio Comunale del 24 luglio 2018.
 Intervento del consigliere Martina Arrigoni.

In merito alla relazione sullo stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri prendiamo atto che dichiarate che è tutto in linea con le previsione, che non avete debiti fuori bilancio da riconoscere, che gli equilibri sono mantenuti e che quindi tutte le entrate previste, a fine anno saranno accertate e tutte le spese previste, a fine anno saranno impegnate (compresi i gettoni di presenza della minoranza destinati  a famiglie bisognose), rileviamo però che le entrate da sanzioni al codice della strada  (pagina 14) accertate nel primo semestre sono 3.457,87 euro, se questo è il trend si dovrebbe ipotizzare un entrata annua di non oltre 8.000,00 euro, invece ne prevedete 23.000,00; la previsione è estremamente ottimista.
Discorso simile anche per le entrate in conto capitale che poi, visto il bilancio sono pressoché limitate agli oneri di urbanizzazione. Anche qui  (tabella pagina 16), su una previsione di entrata di 39.650,00 euro, nel primo semestre ne sono state accertate solo 7.111,18 ossia il 17,93%, nel secondo semestre del 2018 prevedete di accertarne più del quadruplo di ciò che è stato accertato nel primo semestre del 2018;  anche qui molto ottimisti.
Nella proiezione delle spese segnaliamo anche in questo caso quella relativa alla polizia locale, tabella a pagina 22 missione ordine pubblico e sicurezza; nel primo semestre 2018 sono stati effettuati impegni pari solo al 26,52% dello stanziamento, un po’ poco, magari è il caso di fare una verifica.

Comunque a vostro dire tutto bene, tutto a posto, così come era tutto bene e tutto a posto con la salvaguardia dello scorso anno e i risultati sono stati un avanzo di competenza oltre 427.189,43 euro. Pertanto ci rivediamo ad aprile del 2019 quando approveremo il consuntivo 2018 e lì vedremo se sarà davvero tutto bene e tutto a posto.
Continua a leggere

25/07/18

Vi raccontiamo il Consiglio comunale del 24 luglio 2018 (prima parte)

Iniziamo informandoVi con una prima parte di quanto avvenuto durante il Consiglio del 24 luglio 2018 a cui seguirà una seconda parte nei prossimo giorni.

Messo in crisi dalle puntuali contestazioni a lui rivolte dal Consigliere capogruppo di Filadda riguardanti il mancato inserimento obbligatorio di documenti nelle proposte di delibera, il Sindaco, consultato il Segretario,  ha preferito respingere l'invito della Minoranza al ritiro del punto all'o.d.g. e a ripresentarlo entro il 31 Luglio in modo documentalmente corretto, assumendosi così a nostro parere i rischi di annullamento della delibera dato che  provvederemo senza indugi a interessare dell'accaduto le competenti istituzioni di controllo.

Consiglio Comunale del 24 luglio 2018.
Intervento del Capogruppo lista “Filadda” GIULIO  SCACCHETTI.
D U P S    2019 - 2021

In merito al DUPS 2019/2021, vi invitiamo a rimandare il punto all’ordine del giorno e ripresentarlo entro il 31 luglio, così come l’assestamento,  perché gli allegati che ci avete consegnato non sono corretti. Siccome con la normativa attuale si considerano approvati, in quanto contenuti nel DUP, senza necessità di  ulteriori deliberazioni,  tutti i documenti citati nella proposta di delibera ossia:
     Programma triennale ed elenco annuale dei lavori pubblici – documento allegato non corretto perché l’allegato consegnatoci è la variazione al piano triennale  opere pubbliche 2018/2020 che avete approvato lo scorso consiglio e invece a questo DUP doveva essere allegata la delibera di giunta di approvazione del piano triennale delle opere pubbliche 2019/2021 infatti il DUP  di cui parliamo riguarda questo triennio.
b    Piano delle alienazioni – documento allegato non corretto perché riguarda anche questo la variazione al piano delle alienazioni 2018/2020 approvato nello scorso consiglio dove si toglieva l’alienazione del terreno all’interno del piano cava. Invece avreste dovuto allegare il piano delle alienazioni approvato dalla Giunta per il triennio 2019/2021.
c   Programma biennale di forniture e servizi. L’allegato è presente anche  se non prevedete acquisti di importo superiore ai 40.000,00 euro.
d  Piano triennale di razionalizzazione e riqualificazione della spesa di cui all’articolo 2 comma 594 legge 244/2007. – documento allegato estremamente incompleto  in quanto si limita alle dotazioni informatiche. La norma parla di dotazioni strumentali, anche informatiche ma non esclusivamente quelle informatiche.
e   Programma triennale del fabbisogno del personale. Questo documento è allegato e completo, però, visto il trend in pesante diminuzione del costo del personale  (al punto 4 del DUPS) e la carenza di personale con cui il comune sta operando magari sarebbe stato più saggio prevedere l’assunzione per mobilità di almeno due amministrativi e non solo di uno come avete previsto. Inoltre non è allegato il parere del revisore dei conti sul piano del fabbisogno del  personale che è un parere obbligatorio.
Alla luce di quanto sopra, chiediamo che il punto venga rinviato ad una prossima seduta da tenersi entro il 31 luglio con tutta la documentazione corretta e rivista negli allegati incompleti.





Altro fatto di rilievo è stato il ritiro della mozione che Filadda ha presentato e che chiedeva lo stanziamento delle risorse derivanti dalla rinuncia dei gettoni di presenza dei Consiglieri di minoranza per devolverli a favore di  famiglie bisognose, dopo che L'Assessore Isa Clivati ha letto la comunicazione che impegna l'amministrazione  a far decidere alla commissione servizi sociali di cui fa parte anche il rappresentante della minoranza a quali nuclei famigliari sarà devoluto il suddetto contributo economico. 

Diversa sorte ,in quanto respinta, ha avuto la nostra mozione richiedente la costituzione di una commissione per la valutazione dei regolamenti.

  




Continua a leggere

19/07/18

Consiglio comunale martedì 24 luglio 2018 ore 20,30


Continua a leggere

13/07/18

Manca la cura

Mentre sui vari social continua la polemica sulla pulizia delle strade, vogliamo ancora una volta segnalare all'opinione pubblica il grave stato di mancanza di manutenzione, se non di totale abbandono, in cui versano sentieri e mulattiere comunali del paese.
Un'amministrazione attenta dovrebbe riuscire a pianificare e finanziare le manutenzioni di strade e sentieri e non intervenire solamente quando giungono lamentele.
A titolo di esempio vi alleghiamo un'immagine della centrale via Porca risparmiandovi altre analoghe situazioni, che potrete volendo verificare personalmente passeggiando per il paese.
Continua a leggere