13/10/18

Consiglio comunale del 19 ottobre 2018


Continua a leggere

01/10/18

Interventi di Filadda al Consiglio comunale del 27 settembre 2018

GLI INTERVENTI DEL CONSIGLIERE CAPOGRUPPO SCACCHETTI GIULIO AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 27 SETTEMBRE 2018

VARIAZIONE AL D.U.P. 2018/2020 E VARIAZIONE DI COMPETENZA E DI CASSA. 

In merito alla variazione al DUP 2018/2020 e variazione di competenza e di cassa  facciamo come al solito un unico intervento.
1   Innanzitutto, evidenziamo che, nonostante i due rilievi del revisore dei conti protocollati al numero 8155 del 31.07.2018 e al numero 8766 del 24.08.2018, con i quali il revisore dei conti espressamente  invitava:
a)    a non porre in atto quanto deliberato in sede consigliare nel corso dell’adunanza del 24 luglio u.s., oggetto della deliberazione n. 49 (variazione di assestamento)
b)   ad apportare le rettifiche alla variazione di assestamento oggetto della delibera consiliare n. 49 del 24.07.2018 nel rispetto di quanto indicato nella nota dell’ANCI del 28.05.2018 e in riferimento al DPCM del 7 agosto 2015
c)   a ripresentare in sede di consiglio comunale la variazione di assestamento del bilancio 2018 al fine della nuova disamina e conseguente approvazione deliberativa da parte dell’organo consiliare del comune di Villa d’Adda.
Non avete adempiuto a nulla di  quanto richiesto dal revisore dei conti, infatti abbiamo riscontrato che, nonostante l’invito a non porre in atto la variazione di assestamento, avete assunto impegni di spesa utilizzando risorse oggetto della variazione sottoposta a rilievo. Non avete sottoposto al consiglio comunale la modifica della delibera di approvazione della variazione di assestamento per correggere l’irregolarità contabile segnalatavi  dal revisore ma avete semplicemente stanziato con una successiva variazione di bilancio una somma in uscita per l’abbattimento rette degli asili nido, lasciando così la variazione di assestamento viziata da un’irregolarità contabile. Avreste dovuto ripresentare all’approvazione del consiglio comunale la variazione di assestamento rettificata in modo da correggere l’errore di destinazione delle risorse trasferite dalla Regione Lombardia al Comune per gli asili nido e non avreste dovuto porre in essere alcun atto di impegno di spesa che utilizzava le risorse oggetto della variazione di assestamento fino alla sua correzione. Abbiamo già segnalato al revisore quanto sopra e valuteremo di indirizzare la medesima segnalazione agli altri organi competenti.
Detto questo passiamo all’analisi degli altri capitoli della variazione oggetto di questa seduta di consiglio comunale, evidenziamo che nella variazione approvata il 28 giugno avevate già stanziato € 2.000,00 sul capitolo 1036 per l’applicazione della normativa sulla sicurezza e sulla privacy; dopo un mese, con la variazione di assestamento del 24 luglio 2018, ne avete tolti € 572,00, sempre dallo stesso capitolo 1036, perché la somma stanziata non serviva;  dopo altri due mesi, ricambiate idea e incrementate nuovamente il capitolo 1036 di € 2.200,00, magari una valutazione più approfondita di quello che vi serve dimostrerebbe un minimo di programmazione che ogni volta smentite.
In merito alla riduzione della somma destinata al vestiario per la protezione civile e i volontari, capitolo 1542, ridotta di oltre la metà, possibile che la protezione civile non ha bisogno di vestiario, e comunque non potevate spostare queste risorse sempre per la protezione civile, per la fornitura di altro materiale di cui può  avere bisogno. Ci sembra strano che la protezione civile abbia bisogno solo di circa 1.209,00 euro di vestiario e null’altro.
Notiamo invece con favore che avete deciso di non assumere  più un vigile visto che avete tolto  le risorse sui capitoli degli stipendi della polizia locale (capitolo 1261-1262-1267).  Cogliamo l’occasione per invitarvi a valutare invece l’assunzione di un operaio.
Altra posta in diminuzione che ci stupisce è la riduzione di 15.000,00 euro dei contributi comunali a favore della scuola materna per l’abbattimento rette (capitolo 1347). Una somma piuttosto rilevante che si potrebbe giustificare solo con una drastica riduzione dei bambini iscritti. Non si  potrebbe ipotizzare di destinare queste risorse sempre alle famiglie anziché disperderle in spese varie. Noi vi proponiamo di modificare la presente variazione utilizzando questa somma  per ridurre il costo del trasporto scolastico a carico delle famiglie.
Vorremmo avere alcune delucidazioni sulla somma di € 1.000,00 stanziata ad incremento delle già cospicue  somme previste nel bilancio per incarichi professionali (capitolo 1086/20) già stanziato € 18.190,00 in aggiunta ulteriori 1.000,00 euro).
In merito invece alla somma destinata alle rette nelle comunità di accoglienza per la quale il revisore vi ha chiesto delucidazioni, gradiremmo conoscere i criteri con cui vengono scelte queste comunità.

Infine, riscontriamo che provvederete a fare l’impianto di condizionamento per tutto l’edificio comunale per una somma di                € 15.126,00, magari andava fatto a maggio scorso, adesso, si poteva prevedere la somma nel nuovo bilancio 2019/2021, comunque, ci auguriamo che abbiate messo in conto le manutenzioni periodiche ai filtri al fine di evitare le contaminazione di cui in questi giorni sentiamo tanto parlare.


BILANCIO CONSOLIDATO 2017

In merito al questo punto, pur consapevoli che si tratta di un obbligo di legge, riteniamo che in un comune come Villa d’Adda, che ha partecipazioni in società inferiori al 10%, la redazione di  un bilancio consolidato è di scarsa utilità tecnica e di assoluta inutilità per il cittadino. La difficoltà che presenta questo adempimento anche per il recupero dei dati dalle società partecipate  comporta sicuramente un utilizzo di risorse umane all’interno del Comune che potrebbero dedicarsi ad altre attività di maggiore incidenza sulla cittadinanza.  Purtroppo la normativa non agevola i piccoli comuni.



APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE .

Coerenti con quanto abbiamo affermato nelle sedute di consiglio comunale precedenti, visto che il regolamento di cui al punto 5 dell’ordine del giorno non è stato  posto in discussione nelle commissioni, ci assentiamo dalla discussione di questo punto.
Continua a leggere

20/08/18

A proposito di degrado dei parchi pubblici

In questi giorni da più parti è stata segnalato lo stato di degrado e di abbandono dei parchi
pubblici villadaddesi.

Come forza politica di minoranza non possiamo fare altro che dare buoni consigli, anche
se il più delle volte vengono derisi e snobbati dalla maggioranza.

Spiace prima come cittadini e poi come amministratori pubblici, seppure di minoranza,
vedere lo stato in cui versano i parchi pubblici nonostante le risorse finanziarie del
Comune di Villa d’Adda possano certamente permettere una costante manutenzione delle
strutture.

Vorremmo anche segnalare alla maggioranza, se vorrà tenerne conto, che è stato
pubblicato dalla Regione Lombardia un bando per il finanziamento a fondo perduto di
opere e lavori di adeguamento dei parchi giochi comunali per favorire la fruibilità dei minori
con disabilità. Il bando è reperibile sul BURL del 13 agosto 2018.

Speriamo che la segnalazione venga accolta dai nostri amministratori e si diano da fare
per presentare progetti che migliorino la fruibilità dei parchi pubblici villadaddesi anche ai
minori con disabilità.

Continua a leggere

07/08/18

Campane a festa

Grazie ad alcuni volontari,tornano a suonare le campane a San. Martirio.




Continua a leggere

31/07/18

Consiglio comunale (terza e ultima parte)

Concludiamo oggi il nostro resoconto sui fatti salienti dello scorso Consiglio,  con la comunicazione del Sindaco di El@ e la puntuale risposta di Filadda.



Consiglio comunale del 24 luglio 2018, la risposta del capogruppo Scacchetti della lista Filadda al comunicato del Sindaco Biffi.

Vorrei fare un intervento in merito alla comunicazione che il Sindaco ha fatto nella seduta del Consiglio Comunale del 28 giugno 2018 che è poi diventato un allegato alla delibera di approvazione dei verbali della seduta del 30 aprile 2018.
Ritengo di dover fare delle precisazioni per due motivi, in primo luogo perché la comunicazione è rivolta direttamente al sottoscritto  ( vedi la frase: “ nel consiglio comunale del 30 aprile nella discussione sul rendiconto del bilancio 2017 hai evidenziato che nel quadro generale … “); in secondo luogo perché la comunicazione del sindaco è arrivata dopo quasi due mesi e non ne ho avuto copia fino a dopo la seduta del consiglio comunale pertanto non ho avuto modo di poter replicare prima.
Innanzitutto, visto che il presidente del consiglio comunale, ossia il Sindaco è anche  il responsabile del servizio finanziario, i termini tecnici utilizzati in un allegato a una delibera di consiglio comunale devono essere corretti, e questo non per fare il professore ma perché il documento di cui stiamo parlando non perda di credibilità. Quando al punto “terza precisazione” viene fatto riferimento alle economie di competenza definendole come “tutti i residui di tutti i capitoli delle spese correnti finiti nell’avanzo”  , informo il responsabile del servizio finanziario che i residui non hanno nulla a che vedere con le economie di competenza. In contabilità i termini usati hanno significati precisi ed utilizzarli in modo inappropriato può solo creare grandissimo caos.  Le economie sono somme  stanziate e non accertate , se parliamo di entrate, somme stanziate e non impegnate, se parliamo di uscite, e pertanto somme che vanno a formare l’avanzo; i residui sono invece somme accertate e non ancora incassate, se parliamo di entrate, e somme impegnate ma non ancora pagate, se parliamo di uscite, quindi somme che non confluiscono nell’avanzo. Siccome l’intento della comunicazione era quello di andare a ricostruire l’avanzo, immagino che il responsabile del servizio finanziario intendesse parlare di economie e non di residui. Comunque premesso questo, passiamo ai vari punti definiti di “precisazione”. Premetto che quando ho parlato dell’avanzo della gestione competenza non ho fatto riferimento al quadro generale riassuntivo (seppure anche da questo documento è riscontrabile questo dato),  ma alla relazione approvata dalla giunta comunale quindi non da un documento tecnico ma un documento diciamo “politico” adottato dalla giunta e pertanto conosciuto da tutti i componenti di questo organo esecutivo.
In merito alla prima precisazione, è vero che vi siete insediati a giugno 2017, ma il bilancio 2018/2020 lo avete approvato voi, e, alla luce dei risultati della gestione 2017 avreste potuto adottare una politica di riduzione delle tasse.
In merito alla seconda precisazione l’ultima variazione da farsi entro il 30 novembre, va sicuramente predisposta entro la metà dello stesso mese, ma rendicontazioni che arrivano dopo non possono essere giustificazioni ad un così alto avanzo di amministrazione,  che rammento essere di € 1.067.360,16, perché è questo l’avanzo di amministrazione del Comune di Villa d’Adda approvato con il rendiconto 2017, e questo dato è inconfutabile perché riportato da tutti i documenti ufficiali approvati.
Per quanto riguarda la terza precisazione onestamente sono in difficoltà perché quello che leggo è incomprensibile, non si capisce cosa si tentava di precisare perché i termini usati stridono tra loro e hanno significati opposti. Forse  si è tentato di fare  l’analisi di tutte le economie di spesa confluite nell’avanzo. Ad ogni buon conto riprendo la relazione al rendiconto 2017 approvata dalla giunta comunale e ribadisco le cifre che ho già rilevato nel consiglio del 30 aprile 2018.
Risultato della gestione competenza  2017  € 427.189,43 ( per chi non lo ricordasse pagina 12 della relazione citata).
A questo importo si arriva con le seguenti somme:
minori accertamenti rispetto allo stanziato di parte corrente € 83.862,44 (6)
maggiori accertamenti rispetto allo stanziato di parte capitale € 45.447,17 (8)
minori impegni rispetto allo stanziato di parte corrente € 449.322,97 (7)
minori impegni rispetto allo stanziato di parte capitale € 16.281,73 (8)
la somma algebrica di quanto sopra è esattamente € 427.189,43 (12)
Onde evitare che al prossimo consiglio ci sia di nuovo un comunicato di chiarimenti ribadisco che queste cifre sono ricavate dal documento ufficiale: “relazione della giunta comunale al rendiconto della gestione dell’anno 2017” approvato dalla giunta comunale alle pagine 6, 7, 8  9.
Preciso inoltre che nella seduta del 30 aprile 2018 al punto di approvazione del rendiconto di gestione 2017 non ho mai né chiesto né fatto affermazioni sulla composizione dell’avanzo ma ho solo chiesto la conferma dell’importo del risultato della gestione competenza anno 2017 e nessuno in quella seduta è stato in grado di fornirmi una risposta. Ora dopo due mesi questa lettera di precisazioni è oltre che fuori tempo anche fuori luogo perché molto approssimativa sia nella terminologia usata che nelle somme riportate, più che una precisazione sembra un improvvisazione.
Aggiungo solo due cose:

1)    Nel ribadire che il risultato della gestione competenza 2017 è di  427.189,43, anche con soli 167.000,00 euro avresti potuto abbattere le tasse perché; forse ti è sfuggito che l’accertato per la TASI sulle seconde case da consuntivo 2017 è pari ad € 123.212,19, avresti potuto per una volta imitare in positivo il Comune di Carvico e togliere completamente la TASI sulle abitazioni a disposizione anche con soli 167.000,00 di economie. Oppure, visto che applicando l’aliquota dello 0,50% accertate di addizionale comunale  la somma di  € 318.351,33,  avreste potuto dimezzare l’aliquota.


2)  Per quanto riguarda i fondi e accantonamenti, che sono un obbligo di legge,   sono per la parte più consistente relativa al fondo crediti di dubbia esigibilità  pari ad € 243.278,00, pagina 2 sempre della relazione al rendiconto 2017 approvata dalla giunta comunale, è sintomo di presenza di molti crediti accertati ma non incassati, pertanto anche su questo ci sarebbe molto da dire perché se ci sono delle somme che il comune deve incassare e non incassa è un ulteriore segnale di cattiva gestione, parliamo di somme che potrebbero essere utilizzate per garantire maggiori servizi ai cittadini che sono bloccate perché non vengono riscosse/recuperate, pertanto anche qui avete un problema da risolvere.
Continua a leggere