07/11/17

Chi era il mancato Sindaco?



Ora che la vicenda bibliotecario è stata svelata in quasi tutti i suoi poco nobili aspetti, resta però una domanda irrisolta: chi era il candidato più adatto secondo il dott. Vannucci a ricoprire il ruolo di futuro primo cittadino a Villa d'Adda?
Giriamo questo quesito  ai nostri affezionati lettori invitandoli  a formulare un'ipotesi in attesa di poterla verificare quando  magari Vannucci stesso, se lo desidera, vorrà soddisfare la curiosità che serpeggia in paese.

5 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
07/11/17, 18:08 delete

Vero, adesso siamo curiosi!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
07/11/17, 20:21 delete

Vannucci, se ci sei batti un colpo, non smentire le tue origini toscane!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
09/11/17, 13:07 delete

Magari Vannucci voleva autocandidarsi.

Reply
avatar
Marco
AUTHOR
09/11/17, 19:43 delete

No, non volevo candidarmi. Non ho mai voluto in passato, per incarichi -con tutto il rispetto- ben più importanti a carattere nazionale, non lo vorrò in futuro. Fare un nome e/o nomi sarebbe solo per soddisfare la curiosità, non lo trovo così importante e non vorrei mettere al centro dell'attenzione una persona che merita tutta la mia personale stima. Ho voluto replicare. a mezzo stampa, al sig. Sindaco perché ho trovato ingiuriose le sue motivazioni e non corrispondenti al vero ma la storia, per me, finisce qui. Al proposito dell'articolo ci sono due inesattezze: non ho mai partecipato alle riunioni di Filadda ed il nome in questione lo pronunciai durante una riunione di Ela. L'amico che m'invitò ad entrare nel gruppo Ela, questo posso dirlo, fu Antonio Posa tre anni fa.
Marco Vannucci

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10/11/17, 07:34 delete

Concordo con la tesi di Vannucci bisogna guardare avanti. Ci sono tantissime cose da fare, sopratutto nel sociale. Rivangare il passato non serve.

Reply
avatar