22/11/17

Martina Arrigoni replica a Edoardo Siniscalchi

Ho letto la risposta del Prof. Siniscalchi al breve commento da me rilasciato al Giornale di Merate in merito alla querelle biblioteca - Dott. Vannucci.
Sono basita dal tono aggressivo con cui parla di me, perché mi attribuisce comportamenti che non ho mai assunto e atteggiamenti che non mi appartengono. Inoltre la sua reazione mi è parsa del tutto spropositata rispetto alla materia del contendere.
Cercherò di rispondere brevemente agli attacchi subiti, per poi chiudere in modo definitivo una polemica che sta assumendo i toni del grottesco: come Siniscalchi ha dei progetti concreti da realizzare, così io ho sicuramente occupazioni più costruttive.
Negare che ci sia una divergenza profonda tra la risposta da lui data in Consiglio Comunale a settembre e le motivazioni espresse dal Sindaco Biffi a ottobre è ridicolo.
Siniscalchi ha fatto delle considerazioni tecniche sulla necessità di incrementare l’utilizzo degli e book e di porre l’attenzione sulle discipline scientifiche: pur non condividendo le sue ragioni, le rispetto e le accetto, sperando di ricredermi.
Il Sindaco invece ha affermato che la fiducia in Vannucci è venuta a meno nel momento in cui non ha condiviso la sua candidatura e ha proposto al gruppo El@ di orientarsi su un’altra figura per il ruolo di primo cittadino.
In che modo questi due interventi vanno nella stessa direzione?
Probabilmente il Siniscalchi fa riferimento al fatto che sia lui sia il Sindaco hanno sostenuto che Vannucci “faceva politica” in biblioteca, senza che nessuno dei due fornisse alcuna prova a supporto di questa grave affermazione.
Sfugge, tuttavia, al Prof. che tale considerazione assume sfumature completamente diverse nei due interventi. In particolare, nella risposta all’interrogazione proposta dal Consigliere Iaconis e firmata da Siniscalchi si parla in generale di un atteggiamento poco professionale del Dott. Vannucci per la sua tendenza ad affrontare temi politici sul posto di lavoro. Mi preme sottolineare che ad oggi non sono ancora state fornite prove a supporto di ciò, mentre sono numerose le testimonianze in senso diametralmente opposto.
Il Sindaco invece ha specificato che, dal suo punto di vista, il fare politica del Dott. Vannucci consisteva nel sostenere il candidato rivale in biblioteca.
Passo ora all’affermazione che la Arrigoni è un perenne attacco a tutto e a tutti: non mi pronuncio sulla formulazione del periodo in italiano (alla frase ad effetto avrei preferito argomentazioni) e mi limito a ricordare  che esprimere la mia opinione non è un crimine, ma un mio diritto.
Siniscalchi, mi rivolgo direttamente a te: se ci troviamo in disaccordo o se condanno la modalità con cui la maggioranza affronta determinate vicende, non devi farne una questione personale e considerare il fatto come un attacco.
L’accusa più paradossale del Prof. è quella di essere giovanissima, ma di fare politica secondo un modello sorpassato, ossia quello dello scontro. La mia colpa è aver risposto a una precisa domanda del Giornale di Merate su cosa pensassi degli sviluppi e delle novità emerse in merito alla questione Vannucci - gestione biblioteca.
Ho per caso cercato lo scontro? Mi sono limitata a commentare una realtà già sotto gli occhi di tutti: lo stesso Sindaco a settembre, dopo l’intervento di Siniscalchi, aveva promesso che a fine ottobre avrebbe illustrato le reali motivazioni del “siluramento” di Vannucci.
Quale sarebbe stata la mia responsabilità nell’evidenziare quanto ciò sia contraddittorio e quanto sia dannosa per Siniscalchi tale situazione?
È come se il marito o la moglie, scoperto un tradimento, se la prendessero con l’amante!
Tra l’altro, io ero anche sinceramente dispiaciuta per la posizione scomoda in cui il consigliere si è ritrovato e questo traspare chiaramente dalle mie parole.
A proposito di modelli sorpassati, sfugge a Siniscalchi che sollevare dal suo incarico un uomo di cultura per un disaccordo politico non è certo un metodo di fare politica innovativo e aperto al dialogo, anzi richiama delle tristi pagine della storia.
Però sono io la vecchia rinchiusa in un corpo da giovane!!

P.S. rispondo a nome mio semplicemente perché io mi sono confrontata con la stampa e a me Siniscalchi ha rivolto le sue critiche. Il parere da me espresso sulla vicenda è condiviso appieno anche dagli altri consiglieri di minoranza, con i quali non ci sono mai stati contrasti o scontri sulle idee e sull’indirizzo del nostro operato.
Smentisco qualsiasi pettegolezzo circa divisioni interne al nostro gruppo, che sono state sicuramente alimentate dall’insensata distinzione di Siniscalchi tra adulti e giovani del gruppo consigliare Filadda e dall’insinuazione di un qualche conflitto generazionale.
Siniscalchi, facci un favore: preoccupati del tuo gruppo e coltiva le relazioni al suo interno, concentrati sui buoni progetti culturali che stai sviluppando e, soprattutto, non sentenziare su rapporti umani e politici che non conosci e non ti riguardano.



Martina Arrigoni

20 commenti

Write commenti
Marco
AUTHOR
23/11/17, 23:54 delete

Approfitto del vostro spazio per pubblicizzare il nuovo romanzo che sto scrivendo, se tutto andrà bene uscirà in primavera prossima, al caso ho scelto un pezzetto per sottoporlo alla vostra gradita critica. Sia chiaro: un pezzetto scelto a caso, parola di giovane marmotta. Sapete com'è, tra giovani, ci s'intende.
L’unico che non ha capito sono stato io, in un sussulto di riflessione afferro di aver agito in buona fede ma ho sbagliato nell’ inerpicarmi per le montagne imperfette. Non ho mai detto di essere il migliore, però qualcuno avvisò che mi pongo male. Sarà per quel briciolo d’intelligenza che mi porto addosso ma non capirò mai come potrebbe far paura, casomai è la stupidità che dovrebbe fare paura. L’intelligenza crea competitività, ma la stupidità è imprevedibile. Con un individuo intelligente puoi controbattere con le parole, con un idiota ti difendi solo facendo a botte. Ed io, a botte, non ho fatto mai. Per questo, la stupidità, mi fa paura. Scavo nei libri per ricordare un aforisma di Socrate: costui crede di sapere mentre non sa, io almeno non so e non credo di sapere. Questa piccola differenza mi fa sembrare di essere più sapiente di quel che sono, perché non credo di sapere quello che non so…. Così parlò il grande filosofo greco. Magari l’avessi studiato meglio, aggiungo da sciocco qual sono, non sarei stato zitto anche quando sapevo.
Marco Vannucci

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
24/11/17, 11:41 delete

Martina complimenti per la chiarezza e l'onesta intellettuale che traspare del tuo intervento. Essere giovani significa anche non accettare compromessi con niente e nessuno; fare e dire sempre quello che si ritiene giusto. Purtroppo a Villa d'Adda questo non è possibile, almeno fintanto ci sarà qualcuno che pensa di fare politica pro domo sua. Peccato che per non scontrarsi ci siamo persone, che francamente pensavo più limpide e corrette, che hanno imparato in fretta che allinearsi permette di ottenere di più che essere schietti. Ancora una volta Martina hai dimostrato di non essere succube di niente e nessuno. Complimenti. Di giovani come te ce vorrebbero tanti.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
24/11/17, 15:40 delete

Vannucci è un grande!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
24/11/17, 17:09 delete

Martina altrettanto grande!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
25/11/17, 23:45 delete

Brava,Martina!
Hai tappato la bocca al sapientino!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
26/11/17, 19:56 delete

Per tappare la bocca al sapientino ce ne vuole! La Martina è ancora piccola e ingenua! Deve provare a chiedere a papà!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
27/11/17, 16:19 delete

Che miseria, quando non sai controbattere tiri sempre fuori la storia del padre. Dopo tre anni che stai prendendo sotto non hai ancora capito che Martina ti da la paga tutte le volte che vuole.Certo che per capirla ce ne metti di tempo.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
27/11/17, 18:00 delete

quello è il pensiero del chioso e del barat, purtroppo per loro, ne avranno di strada da fare e anche a gambe levate

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28/11/17, 06:36 delete

Buongiorno
Il sig Siniscalchi parla tanto di collaborazione, quindi potete informarci sulla nuova associazione che si aggiudicherà la gestione della biblioteca.
grazie
L.E.O

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28/11/17, 12:01 delete

Lo diranno come al solito dopo averla creata. A proposito è legale costituire una associazione per gestire un servizio pubblico?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28/11/17, 19:42 delete

Non sei venuta trop bene in foto sul giornale di Merate.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29/11/17, 06:34 delete

già creata magia della cultura responsabile daniela chiappa

Reply
avatar
Marco
AUTHOR
29/11/17, 13:56 delete

Si, è legale. Tutti i comuni, oggi, tendono ad esternalizzare i servizi con il risultato, facilmente verificabile, di ridurre le spese oltre ad ottenere un servizio migliore che un dipendente, protetto da un contratto di assunzione, non sempre garantisce a meno che non sia un professionista nell'anima. I bandi di concorso che caratterizzano l'assunzione diretta è una forma di democrazia ma nei chiaroscuri dei bandi, ben lo sappiamo, spesso non si rivela la scelta migliore. Quel che indigna sta nel monopolio delle cooperative ma questo, comprensibilmente, è un altro discorso. Per la biblioteca di Villa d'Adda auspico la continuità tramite la mia collega Loretta, sono sicuro che sarà capace di mantenere lo stato raggiunto. Uno stato ottimale. Penso converrete su questo.
Marco Vannucci

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
30/11/17, 06:36 delete

Il discorso è se, è lecito far nascere un associazione per farle vincere un appalto?
A quante persone senza lavoro stabile tutte le associazione tolgono?
La tendenza ad esternalizzare il servizio per ridurre le spese ed aumentare la qualità sembra nobile ma non penso sia quello utilizzato nei comuni.
È più semplice esternalizzare che responsabilizzare e motivare un dipendente
L.E.O.

Reply
avatar
Simone Iaconis
AUTHOR
30/11/17, 09:40 delete

Vero, potevano prendermi di profilo!

Reply
avatar
mario milesi
AUTHOR
30/11/17, 16:11 delete

Anche un dipendente è in grado di dare un servizio eccellente se capace, volenteroso, motivato e supportato da un Assessore in grado di attuare scelte
amministrative coerenti gestendo le limitate risorse a sua disposizione.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
01/12/17, 09:08 delete

Potevano prenderti anche per il cu..tanto è la stessa cosa

Reply
avatar
FILADDA
AUTHOR
01/12/17, 13:32 delete

Il commento precedente è stato pubblicato a dimostrazione dell'imbecillita' di alcuni che non concepiscono neanche lontanamente un utilizzo costruttivo di uno strumento di informazione che vorrebbe contribuire al dibattito e a uno scambio costruttivo di diverse opinioni. Ogni ulteriore commento che contenga espressioni e concetti offensivi non sarà preso in considerazione e direttamente cestinato.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
03/12/17, 13:49 delete

Ma non pubblicate i commenti degli idioti.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
04/12/17, 14:29 delete

Il mondo è pieno di idioti e di infami. Internet, purtroppo, non fa eccezione. E anzi, come è arcinoto, è terreno d'elezione per personaggi miseri, incapaci di scrivere un pensiero compiuto, leoni da tastiera il cui unico scopo della vita è insultare online. Invece di offendere impara ad argomentare, se per te non è troppo difficile.

Reply
avatar