05/07/18

Programma triennale opere pubbliche e variazione bilancio e DUP, Perchè anche no?

Proseguiamo con  due  altri interventi di Filadda in Consiglio per concludere, nei prossimi giorni, con le due mozioni presentate.



PROGRAMMA TRIENNALE OPERE PUBBLICHE.
PRENDIAMO ATTO CHE AVETE DECISO DI SPENDERE ANCORA UNA CIFRA MOLTO RILEVANTE PER LA TORRE DEL BORGO SENZA AVERE UN  PIANO ECONOMICO FINANZIARIO SULL’UTILIZZO DELLA STESSA.  INOLTRE, NOTIAMO CHE VI SIETE RESI CONTO CHE LO “SPACCHETTAMENTO” DELLE SOMME SUI LAVORI ALLA TORRE CHE AVEVATE FATTO IN FASE DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO 2018 NON ERANO CONFORMI, COME VI AVEVAMO SEGNALATO, ED INFATTI  ORA LE AVETE RICONDOTTE TUTTE IN UN UNICO LOTTO E AVETE PREDISPOSTO IL PIANO DELLE OPERE PUBBLICHE TRATTANDOSI DI OPERA DI IMPORTO SUPERIORE AI CENTOMILA EURO.
QUEI LOTTI CHE DICEVATE ESSERE LOTTI FUNZIONALI A QUANTO PARE NON LO ERANO.

ORA AVETE ADOTTATO IL PIANO DELLE OPERE PUBBLICHE, VI INVITIAMO PERO’  A VERIFICARE I TEMPI DI PUBBLICAZIONE DEL PIANO DELLE OPERE PUBBLICHE CHE SOTTOPONETE QUESTA SERA AL CONSIGLIO PER L’APPROVAZIONE.





Variazione di bilancio e variazione al DUP
Analizzando la variazione riscontriamo che, come già anticipato nel punto precedente “ricognizione e valorizzazione del patrimonio” non ci sarà più la cessione del  terreno ubicato all’interno dell’ex cava San Martino (capitolo entrate 4001 -  107.000,00). Inoltre anche le entrate da oneri vengono rideterminate in riduzione di  € 84.350,00  sempre per lo stesso motivo,   come indicato nel parere del revisore, ossia l’iter di approvazione del piano di recupero ex cava San Martino. 
Ci piacerebbe capire l’evoluzione di questo piano di recupero perché ci ricordiamo tutti quanti che il Comune ha già incassato nel 2015 un congruo acconto di oneri legati al piano di recupero della ex cava San Martino e qualora queste somme dovessero essere rimborsate il Comune non riuscirebbe più a garantire il pareggio di bilancio. Pertanto vi invitiamo a monitorare attentamente la situazione  prima di attivare opere come la Torre utilizzando tutti gli spazi per il rispetto del pareggio di bilancio, non vorremmo trovarci per la seconda volta sanzionati per non aver rispettato il pareggio di bilancio.
Parlando invece delle uscite, come già anticipato  al punto del programma triennale delle opere pubbliche avete tolto tutte le somme che avevate messo nel bilancio 2018 in modo “spacchettato” per la Torre ossia:
-       Capitolo 3212 uscite tolti 30.000 euro per riqualificazione piazza Torre
-       Capitolo 3213 uscite tolti 94.000 euro per completamento interno Torre
E le avete tutte ricondotte incrementandole sul capitolo 3210 uscite, per complessivi 172.000 euro in aggiunta ai 37.000 euro già stanziati come recupero Torre del Borgo facendo diventare la somma stanziata per il recupero della Torre € 209.000; oltre ad aver aggiunto 8.350 euro  ai già stanziati  19.650 euro per la progettazione  della Torre facendo diventare la progettazione 28.000 euro (capitolo 3211 uscite). L’opera Torre complessivamente  diventa € 237.000,00 come da piano triennale opere pubbliche. Ribadiamo quanto detto prima che a dicembre quando in fase di approvazione di bilancio vi avevamo contestato lo spacchettato dell’opera avevamo ragione.
Vediamo inoltre che stanziate 23.000 euro per manutenzione straordinaria muro Bignone (capitolo 3203 uscite). Di cosa si tratta?
Riscontriamo inoltre che forse cominciate a  controllare la situazione delle utenze  visto che avete adeguato le somme stanziate su alcuni capitoli (capitolo 1366/3 uscite, 1386/17 uscite, 1476/5 uscite). La nostra segnalazione in fase di approvazione del rendiconto forse è servita.
Abbiamo riscontrato che incrementate il capitolo 1086/20 incarichi professionali per stesura frazionamenti accatastamenti, progettazioni professionali e perizie di € 10.690,00 ci spiegate per cosa intendete utilizzarli.
Notiamo inoltre che dalle prestazioni di servizio cimitero (capitolo 1656/4) avete tolto 7.002 euro. Quando in fase di approvazione di bilancio vi avevamo chiesto di utilizzare 2000 euro di quelle risorse per fare il baby pit stop e 3000 euro per l’acquisto delle lime per le scuole ovviamente avete detto di no perché le risorse servivano tutte per le esumazione; oggi ancora una volta ci date ragione che erano risorse in eccesso ma ovviamente non sia mai detto che approvate una proposta della minoranza. Le proposte della minoranza vi fanno sorridere?
Poi abbiamo notato che nella variazione del 30 aprile  al capitolo 1021/1  indennità ed altri compensi al personale a tempo indeterminato: avete tolto oltre 3000 euro e nella variazione che ci presentate oggi li rimettete c’è un po’ di confusione, cosa è cambiato da aprile ad oggi e a cosa servono queste risorse.
Per ultimo riscontriamo che, nonostante la scorsa seduta del consiglio abbiamo evidenziato la vostra incuria nel non impegnare i gettoni di presenza ai quali la minoranza ha rinunciato del 2017 da devolvere a famiglie in difficoltà ancora oggi non avete rimediato in questa variazione di bilancio, pertanto vi presentiamo una mozione urgente.