02/07/18

Il Sindaco Biffi non vuole videoriprese

Proseguiamo con la pubblicazione dell'intervento di Filadda in Consiglio in risposta alla proposta di abrogazione delle video riprese delle sedute consiliari.




Il punto all’ordine del giorno di cui discutiamo ha come proposta una delibera il cui oggetto recita testualmente: “ regolamento del consiglio comunale: modifica dell’articolo 3 secondo comma”, poi invece all’interno della proposta oltre ad abrogare gli ultimi due commi dell’articolo 3 del regolamento del consiglio comunale viene abrogato integralmente il regolamento delle riprese audiovisive. 

L’oggetto della delibera è ingannevole, cerca di mascherare le vostre vere intenzioni, che non avete nemmeno avuto il coraggio di manifestare chiaramente.  Il cittadino che legge i punti all’ordine del giorno non può assolutamente immaginare le vostre intenzioni visto che eludete di citare il vero regolamento che volete abrogare.

E questo è già il primo segno della volontà di non dare trasparenza all’azione amministrativa.
Tutta la legislazione sta andando nell’indirizzo della massima trasparenza, vi rammentiamo l’evoluzione della normativa in materia di trasparenza a decorrere dal 1990 a tutt’oggi, tutti gli obblighi di pubblicazione proprio con lo scopo di rendere accessibile e controllabile da tutti l’azione amministrativa,  la normativa sull’accesso civico  e via dicendo. 

Tutto sta andando nell’indirizzo di rendere ogni atto della pubblica amministrazione  disponibile al cittadino affinché possa conoscere e controllare l’azione amministrativa e voi, che tanto avete predicato in campagna elettorale trasparenza e partecipazione del cittadino all’amministrazione della cosa pubblica, alle prime difficoltà che riscontrate in consiglio comunale perché incalzati dalla minoranza che svolge il suo lavoro di controllo, visto che quello propositivo lo avete da subito inibito con molta superficialità, vi trincerate dietro i numeri e dietro “l’oscurantismo”; beh vi ricordiamo che corre l’anno 2018 la tecnologia  va avanti, la cultura cambia, la normativa si evolve e il cittadino ha tutto il diritto di partecipare alla vita politica del paese anche guardandosi da casa propria i consigli comunali!

Nascondersi dietro alla ”difficile gestione della privacy” per quanto riguarda le sedute del consiglio comunale è assolutamente fuori luogo visto che le sedute del consiglio comunale sono sedute pubbliche nella quasi totalità dei casi; e i consiglieri, nel momento in cui si candidano diventano personaggi pubblici e in una seduta pubblica non possono addurre problemi di privacy.

Parlare di disapplicazione a causa dei costi è assolutamente non veritiero e addirittura ridicolo, in quanto basta una videocamera per la registrazione dei consigli comunali e agli atti avete già una dimostrazione di ciò, fatta proprio da un consigliere della lista ela prima delle elezioni del 2013. Se questo non bastasse vi rammentiamo che nel 2014 la vostra lista aveva predisposto impegno di spesa con determina n. 83 del 25/2/2014 per l’acquisto e installazione del sistema audio video per le registrazioni in streaming dei Consigli Comunali, impegnando la somma di € 1.500,00 + IVA con la ditta Proxima Lab, perciò anche quello dei costi è un falso problema.

 La verità è che volete nascondere le vostre  difficoltà ad amministrare, non volete alcun tipo di confronto e tantomeno di controllo. Questo ulteriore  tentativo, oltretutto alquanto maldestro,   di trincerarvi dietro ai divieti e alla non trasparenza non vi servirà perché noi ci batteremo fino all’ultimo giorno di durata di questo  mandato  e con ogni mezzo affinchè ogni cosa sia resa disponibile al cittadino. State amministrando la cosa pubblica, ricordatevelo.



















2 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
03/07/18, 19:52 delete

Il Sindaco non vuole le videoriprese perché non vuole far vedere al popolo le figuracce che inanella tutte le volte che parla di bilancio.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
05/08/18, 01:57 delete

Ottima risposta, questa si che è competenza e serietà nel saper rispondere politicamente alla maggioranza che ha fatto molto male ad abolire il regolamento sulle video riprese. Probabilmente non avendo molte competenze in materia amministrativa, non vogliono far vedere alla cittadinanza che non sono molto addentrati nelle materie che man mano vengono trattate.
Comunque bravi questi consiglieri della minoranza, peccato che li conosco solo ora, sicuramente non avrei votato gli altri.

Reply
avatar