15/02/19

Filadda su scuola per l'infanzia

Leggiamo con stupore   le esternazioni  sul Giornale di Merate a noi rivolte dal Sindaco Biffi. Egli ci attribuisce propositi  ostili e astio nei confronti della scuola Frigerio di Villa d'Adda.
Non ci lasciamo trascinare  in  logore polemiche preferendo  pubblicare qui di seguito il testo del comunicato dei Consiglieri di Filadda letto in Consiglio Comunale e lasciando all'intelligenza dei lettori il giudizio.
La nostra concezione di cosa pubblica è totalmente diversa da quella della maggioranza  che di essa ha una concezione verticistica, dove c'è chi comanda, chi esegue gli ordini chi ubbidendo ne trae benefici e chi, se non  d'accordo, deve subire senza mai disturbare il conducente.
La nostra  è una visione orizzontale di società, in cui tutti hanno uguali diritti e doveri e dove tutti devono attenersi al rispetto delle regole e leggi. Senza che, chi svolge coerentemente il ruolo di opposizione ponendo domande e desiderando risposte, venga ogni volta sbeffeggiato.



INTERVENTO DI FILADDA SU APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VILLA D’ADDA E LA PARROCCHIA  PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA PARITARIA TRANQUILLA FRIGERIO.


LEGGENDO LA BOZZA DI CONVENZIONE CI SIAMO DOMANDATI SE DA SETTEMBRE 2018 LA SCUOLA MATERNA TRANQUILLA FRIGERIO E’ DIVENTATA UNA SCUOLA COMUNALE VISTO CHE “LA GIUNTA A SUO INSINDACABILE GIUDIZIO” VALUTA DI PRENDERSI CARICO DEI COSTI DELLA SCUOLA MATERNA FRIGERIO.
CITIAMO DALLA BOZZA DI CONVENZIONE:
    ARTICOLO 1 LETTERA E) A PAGINA 3 “ PER L’ANNO SCOLASTICO 2018/2019, LA GIUNTA COMUNALE STANZIERA’ UN ULTERIORE CONTRIBUTO DI € 10.000,00 A FRONTE DI SPESE STRAORDINARIE DELLA SCUOLA, NECESSARIE PER IL BUON FUNZIONAMENTO. NEGLI ANNI SUCCESSIVI, QUALORA LA SCUOLA CONVENZIONATA DIMOSTRASSE NECESSITA’ ECONOMICHE URGENTI, LA GIUNTA COMUNALE, A SUO INSINDACABILE GIUDIZIO, DOPO ATTENTA VALUTAZIONE E VERIFICA DELLE POSSIBILITA’ FINANZIARIE, POTRA’ PRENDERE IN CONSIDERAZIONE EVENTUALI INTERVENTI ECONOMICI A SUPPORTO, A TITOLO MERAMENTE STRAORDINARIO.”


    ARTICOLO 4 LETTERA C) PAGINA 5 “ PUR ESSENDO COMPITO DELLA SCUOLA PROVVEDERE ALLA MANUTENZIONE ORDINARIA E/O STRAORDINARIA DELL’IMMOBILE, A TUTTE LE SPESE RELATIVE A MOBILI E ATTREZZATURE, NONCHE’ A QUANT’ALTRO NECESSARIO A GARANTIRE GLI STANDARD DI SICUREZZA PREVISTI DAL D.LGS 09/04/2018 N. 81, QUALORA LA SCUOLA CONVENZIONATA NON FOSSE IN GRADO DI PROVVEDERVI, LA GIUNTA COMUNALE, A SUO INSINDACABILE GIUDIZIO, DOPO VALUTAZIONE DEI LAVORI E VERIFICA DELLE POSSIBILITA’ FINANZIARIE, POTRA’ PRENDERE IN CONSIDERAZIONE EVENTUALI INTERVENTI ECONOMICI A SUPPORTO A TITOLO MERAMENTE STRAORDINARIO”.
QUINDI, LA GIUNTA COMUNALE A SUO INSIDACABILE GIUDIZIO PUO’ DECIDERE DI FARSI CARICO DEI COSTI DELLA SCUOLA MATERNA TRANQUILLA FRIGERIO SENZA RENDERE CONTO AD ALCUNO. PRENDIAMO ATTO CHE LA GIUNTA DEL COMUNE DI VILLA D’ADDA E’ ORGANO AL DI SOPRA DI OGNI GIUDIZIO E NESSUNO SI PUO’ PERMETTERE DI SINDACARE LE DECISIONI CHE LA STESSA PRENDE IN MERITO ALLA SCUOLA MATERNA TRANQUILLA FRIGERIO.
IL COMUNE NON HA TITOLO PER SOBBARCARSI I COSTI DI GESTIONE DI UNA SCUOLA PRIVATA.
STATE APPROVANDO UNA CONVENZIONE CHE PORTERA’ IL COMUNE A FARSI CARICO ANNUALMENTE E NON STRAORDINARIAMENTE DI COSTI CHE DOVREBBE SOSTENERE LA SCUOLA MATERNA, LA QUALE GESTISCE UN’ATTIVITA’ PRIVATA A PAGAMENTO PER COLORO CHE USUFRUISCONO DEL SERVIZIO E DOVREBBE ESSERE IN GRADO CON LE SUE ENTRATE DI COPRIRE I COSTI DI GESTIONE SIANO ESSI ORDINARI E STRAORDINARI. IL COMUNE NON DEVE INTERVENIRE CONTRIBUENDO A PAGARE I COSTI DELLA SCUOLA PRIVATA PERCHE’ NON E’ UNA SCUOLA PUBBLICA DI PROPRIETA’ DEL COMUNE MA, IL COMUNE, AVENDO RISORSE A DISPOSIZIONE, DEVE AGEVOLARE IL CITTADINO NEL PAGAMENTO DELLE RETTE ATTRAVERSO CONTRIBUZIONE DIRETTA O INDIRETTA, MA COMUNQUE SIA CON UN INTEVERNTO A FAVORE DEL CITTADINO.
A TAL PROPOSITO, LEGGENDO LA CONVENZIONE ONESTAMENTE SIAMO RIMASTI BASITI DAL NUOVO METODO CHE PENSATE DI ADOTTARE PER “ABBATTERE LE RETTE ALLE FAMIGLIE”.
ALL’ARTICOLO 1 DELLA CONVENZIONE A PAGINA 2, SCRIVETE, CITIAMO TESTUALMENTE: “ IL COMUNE DI VILLA D’ADDA CONCORRE SECONDO LE DISPONIBILITA’ FINANZIARIE DEL PROPRIO BILANCIO A SOSTENERE ECONOMICAMENTE LE FAMIGLIE RESIDENTI NEL COMUNE, I CUI FIGLI FREQUENTANO LA SCUOLA DELL’INFANZIA, IN CONSIDERAZIONE DELLA RILEVANZA FORMATIVA IN ETA’ PRESCOLARE E REALIZZA QUESTA VOLONTA’ MEDIANTE CONTRIBUTI ALLA SCUOLA. LA QUOTA PER ALUNNO RESIDENTE ISCRITTO E FREQUENTANTE VIENE STABILITA IN € 75,00 MENSILI PER L’ANNO SCOLASTICO 2018/2019, MENTRE PER I SUCCESSIVI ANNI POTRA’ ESSERE RIVISTO IN RELAZIONE ALLE EFFETTIVE DISPONIBILITA’ DI BILANCIO DEL COMUNE E IN BASE AL NUMERO DI BAMBINI ISCRITTI E FREQUENTANTI E AL NUMERO DELLE SEZIONI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA.”
QUALCUNO RIESCE A DIRCI DOVE TROVIAMO SCRITTO IN QUESTA CONVENZIONE CHE LA SOMMA DI 75 EURO A BAMBINO RESIDENTE SERVIRA’ AD ABBATTERE LE RETTE DELLE FAMIGLIE? DOVE TROVIAMO CHE A FRONTE DI UNA RETTA CHIESTA DALLA SCUOLA MATERNA ALLE FAMIGLIE IL VERSAMENTO DI 75 EURO MENSILI DA PARTE DEL COMUNE PORTERA’ A RIDURRE DI PARI IMPORTO LA SOMMA CHE LA FAMIGLIA DEVE VERSARE ALLA SCUOLA MATERNA FRIGERIO PER IL FIGLIO FREQUENTANTE?
L’OBIETTIVO DELLA CONTRIBUZIONE DEL COMUNE DEVE ESSERE RIVOLTO ALLA RIDUZIONE DELLA RETTA PAGATA DALLE FAMIGLIE E NON PUO’ ESSERE UN ULTERIORE CONTRIBUTO ALLA SCUOLA MATERNA. QUESTO NON E’ CONFORME ALLA NORMATIVA CHE E’ RIVOLTA A FAVORIRE L’ACCESSO DEI BAMBINI ALLE SCUOLE PRE SCOLARI, E NON A VERSARE CONTRIBUTI AGLI ISTITUTI SCOLASTICI PRIVATI.
VI INVITIAMO PERTANTO A RIPRISTINARE LA CONTRIBUZIONE A TITOLO DI ABBATTIMENTO RETTE CON LE FASCE ISEE CHE DANNO UN SENSO DI EQUITA’, DIVERSAMENTE NON AIUTERETE LE FAMIGLIE MA VI SOBBARCHERETE, ANCORA UNA VOLTA, I COSTI DI GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA.
CI SONO ANCORA TRE PUNTI PIUTTOSTO AMBIGUI NEL TESTO DELLA CONVENZIONE.
    PERCHE ALL’ARTICOLO 1 LETTERA B) A PAGINA 2 SCRIVETE CHE GARANTITE IL CONTRIBUTO DI EURO 10.000 PER I PROGETTI EDUCATIVI CHE RISPONDONO AI REQUISITI DEL PIANO COMUNALE DI DIRITTO ALLO STUDIO? NON SONO GIA’ TRATTATI ANNUALMENTE NEL PIANO DIRITTO ALLO STUDIO? FORSE VOLETE GARANTIRE ALLA SCUOLA MATERNA FRIGERIO CHE COMUNQUE OGNI ANNO E PER TUTTI GLI ANNI DI VIGENZA DELLA CONVENZIONE CHE INTENDETE APPROVARE, GARANTIRETE IL VERSAMENTO DI 10.000 EURO OGNI ANNO PER IL PIANO DIRITTO ALLO STUDIO DELLA SCUOLA MATERNA? SE E’ COSI’ COME MAI LA SCUOLA MATERNA PRIVATA FRIGERIO USUFRUISCE DI QUESTO PRIVILEGIO CHE NON E’ STATO RISERVATO NEMMENO ALLA SCUOLA PUBBLICA?
    SEMPRE ALL’ARTICOLO 1 LETTERA C) A PAGINA 2 PERCHE’ SCRIVETE CHE RIVERSERETE QUOTA PARTE DELLE RISORSE DERIVATE DAL CONTRIBUTO STATALE PREVISTO DAL D.LGS. 65/2017 (SISTEMA INTEGRATO DI EDUCAZIONE E DI ISTRUZIONE DALLA NASCITA SINO AI SEI ANNI) IN APPLICAZIONE DEI CRITERI STABILITI DALLA REGIONE LOMBARDIA. PERCHE’ QUOTA PARTE E NON L’INTERO? LA SOMMA EROGATA DALLA NORMATIVA STATALE AL COMUNE DOVREBBE ESSERE RIVERSATA ALLE FAMIGLIE (IN MODO DIRETTO O INDIRETTO) PER LA RIDUZIONE DELLE RETTE PAGATE PER LA FREQUENZA AGLI ASILI FINO ANCHE, MA NON OLTRE, LA COPERTURA TOTALE DELLA RETTA. QUINDI LA SOMMA CHE RICEVETE AI SENSI DELLA NORMATIVA CITATA DEVE ESSERE TOTALMENTE E NON PARZIALMENTE UTILIZZATA A TALE SCOPO.
    E PER ULTIMO SEMPRE ALL’ARTICOLO 1 LETTERA D) A PAGINA 2 NON RIUSCIAMO A CAPIRE PERCHE’ LA GRATUITA’ E’ RISERVATA ALL'ULTIMO ANNO. QUALI SONO I CRITERI DI ESENZIONI? ANCHE IN QUESTO CASO A INSINDACABILE GIUDIZIO DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA GIUNTA?
    VORREMMO ANCHE CAPIRE COSA SIGNIFICA LA FRASE: “INOLTRE CONTRIBUISCE AL SERVIZIO DI ASSISTENZA TRASPORTO BAMBINI GARANTENDO L’UTILIZZO DI UN AUTOMEZZO ADEGUATO A TALE FUNZIONE”. FORSE IL COMUNE METTE A DISPOSIZIONE GRATUITAMENTE UN MEZZO PER IL TRASPORTO ALLA SCUOLA MATERNA FRIGERIO?
VI INVITIAMO A RITIRARE IL PUNTO ALL’ORDINE DEL GIORNO E RIVEDERE LA CONVENZIONE CON LA SCUOLA MATERNA PROPONENDO UN SEMPLICE ACCORDO PER L’ABBATTIMENTO RETTE A FAVORE DELLE FAMIGLIE.



9 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
15/02/19, 18:27 delete

Veramente non ciò capito un cazzo di quello che volete dire, siete contrari perché...... e cosa proponete in alternativa, leggendo e intuendo fra le righe ritengo la convenzione comune/scuola molto tarlocca, ci sono molti passaggi al limite di legalità e costituzionalità, forse voi di filadda dovreste battere questo dente.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
16/02/19, 12:01 delete

Certo con ste amministratori che dicono abbiamo vinto noi per cui commandiamo noi, e legiferare o proporre quanto da loro deciso e proposto a scatola chiusa non è facile, sottoponete sempre alle verifiche alla corte dei conti e se son rose fioriranno.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
17/02/19, 16:40 delete

La scuola "T. Frigerio" è "paritaria" e non "privata".
E meno male che esiste altrimenti dovremmo mandare i nostri bambini in altri comuni del circondario, come avviene x lo spazio gioco 0/3 anni, smantellato dalla presente Amministrazione.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
17/02/19, 16:41 delete

La scuola "T. Frigerio" è "paritaria" e non "privata".
E meno male che esiste altrimenti dovremmo mandare i nostri bambini in altri comuni del circondario, come avviene x lo spazio gioco 0/3 anni, smantellato dalla presente Amministrazione.

Reply
avatar
Unknown
AUTHOR
17/02/19, 20:30 delete

Non voglio entrare nella discussione ma mi preme precisare che la scuola é "paritaria" proprio perché è privata e non uno vince sull'altro. In caso contrario la scuola sarebbe pubblica. Inquanto privata deve sottostare allenorme delle aziende private. Preciso che a Villa D'Adda non é l'unica scuola privata e " paritaria "

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
18/02/19, 07:19 delete

Nel ribadire la differenza tra scuola privata e paritaria, per dovere di precisione, avrei gradito un commento anche sul fatto che a Villa d'Adda non esiste più lo spazio gioco per i bambini 0/3 anni.
Evidentemente questo non interessa.

Reply
avatar
Filadda
AUTHOR
18/02/19, 11:43 delete

A noi di Filadda il fatto interessa e parecchio! tant'è che l'abbiamo affrontato criticando a suo tempo la decisione di abolirlo presa dall'attuale Amministrazione.

Reply
avatar
19/02/19, 06:42 delete

La scuola Materna Tranquilla Frigerio è una struttua privata di proprietà della parrocchia. La paritarieta' è concessa dallo Stato sulla base dell'impegno della scuola di rispettare i principi ed i programmi della scuola pubblica e per questo riceve soldi dallo Stato e dalla Regione. Il Comune concede poi contributi propri per ridurre le rette delle famiglie in base alle capacità di reddito. Faccio presente che sul territorio c'è anche la materna di Peschiera, che ha le identiche caratteristiche della scuola parrochiale. Ai frequentanti questa scuola non si danno contributi. Non sarebbe allora giusto che il Comune dia un contributo in base all'isee. Questi cittadini non pagano le tasse? Perché a loro è negata la possibilità di avere un contributo comunale per abbattere la retta di frequenza?

Reply
avatar
19/02/19, 06:45 delete

A chi si lamenta del fatto che nessuno si è preoccupato dello spazio gioco vorrei ricordare che l'argomento è stato oggetto di un emendamento al bilancio 2018. Bocciato dalla maggioramza all'unanimità. Chi è interessato si faccia sentire, il gruppo Filadda si farà promotore della proposta.

Reply
avatar