14/04/20

UNO SGUARDO VERSO IL FUTURO


Il sentimento di impotenza che ognuno prova di noi di fronte alla tragedia che ha colpito con così tanta ferocia il nostro paese e la nostra Bergamo non deve paralizzarci, ma deve essere la spinta per elaborare sin da ora con serietà e lungimiranza le iniziative da mettere in campo quando finalmente l’emergenza sarà cessata e dovremo fare i conti con le ferite che questa pandemia ha inflitto al tessuto sociale ed economico di Villa d’Adda.
Fatta questa premessa, rivolgiamo il nostro pensiero a tutti i concittadini che sono morti a causa della malattia e manifestiamo vicinanza alle loro famiglie, colpite dal lutto e impossibilitate a stare accanto ai loro cari come avrebbero voluto. 
È doveroso ringraziare tutti coloro che con grande generosità ogni giorno sfidano un terribile nemico invisibile per portare aiuto e sostegno alla cittadinanza e ai soggetti più fragili e vulnerabili. 
Grazie quindi agli amministratori, al personale sanitario, ai funzionari comunali e ai volontari, che stanno aiutando Villa d’Adda a superare le difficoltà di questo periodo, un periodo buio che lascerà dietro di sé innumerevoli problematiche.
Per questa ragione, crediamo che non basti l’intervento dello Stato o della Regione, ma che anche l’Amministrazione – più vicina ai problemi del territorio - debba adoperarsi per sostenere l’economia locale e le famiglie adottando misure straordinarie per fronteggiare la crisi causata dalla pandemia. 
Concretamente, proponiamo l’istituzione di un fondo di sostegno alle famiglie ed alle attività imprenditoriali danneggiate dalla pandemia, in modo da dare una risposta all’emergenza economica sia nell’immediato sia con una prospettiva di medio/lungo termine.
Di tutta evidenza come sia necessario mettere a sua disposizione risorse finanziarie in tempi rapidi e nell’immediatezza. 
In tal senso proponiamo di destinare al fondo di solidarietà l’intero ammontare delle indennità di carica e dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali dell’anno 2020, pari a € 30.000,00, somma che riteniamo debba essere gestita essere gestita dalla commissione comunale e dall’assessore per i servizi sociali.
Nei prossimi mesi, occorrerà inoltre che l’Assessorato ai Servizi Sociali monitori la situazione socio-economica delle famiglie in difficoltà e operi in modo chiaro e trasparente per sostenerle, assicurando contributi per il sostentamento alimentare e il pagamento delle bollette energetiche.
Il reperimento delle risorse economiche potrebbe avvenire attraverso la razionalizzazione delle spese, la riduzione dei consumi delle strutture comunali (palestre, scuole, biblioteca, centro sportivo), l’invito ai cittadini a destinare il 5 per mille a favore del Comune di Villa d’Adda o eventuali donazioni liberali da destinare a opere sociali. 
Altro fronte è quello del reperimento del materiale che garantisca la sicurezza sanitaria di chi opera in situazioni di emergenza e dei cittadini stessi. 
Crediamo sia necessario l’acquisto di una congrua dotazione di maschere protettive per la popolazione, materiale di protezione individuale per gli operatori della protezione civile e dei medici impegnati in prima fila.
***
La sfida che dovremo affrontare sarà molto difficile e richiede l’impegno e la solidarietà di tutti, pertanto tutti  i suggerimenti sono bene accetti.
Potete contattarci via mail all’indirizzo mail: filadda@gmail.com, oppure lasciare un commento – anche anonimo – in calce a questo post.

6 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
13/04/20, 16:33 delete

Ottima idea, finalmente qualcuno ci mette la faccia con una proposta concreta.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
14/04/20, 17:52 delete

Ottima la proposta di un fondo di solidarietà, coinvolgendo forse non è il momento, industrie artigiani, commercianti e liberi professionisti del paese in questa iniziativa

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20/04/20, 14:43 delete

?????????

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20/04/20, 19:12 delete

Scusate, qualcuno ci dice se sono stati erogati i buoni spesa distribuiti dal governo? Quanti ne hanno beneficiato e quanto è stato distribuito?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
02/05/20, 16:59 delete

Nessuna risposta in merito, nessuno si informa della minoranza se sono stati erogati i buoni spesa distribuiti dal governo, basta fare una richiesta all'amministrazione e pubblicare la risposta, semplice. Cosi si dà una risposta chiara ai cittadini!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
02/05/20, 17:02 delete

Sui gettoni di presenza da dare in beneficenza, tempo fa vi avevano già risposto di NO! Cosa insistete a fare con queste richieste, tanto vi diranno ancora di NO!

Reply
avatar